Arrestato spacciatore dalla Polizia di Battipaglia

 

 

 

Nel corso di una intensificata attività di polizia che nell'ultimo mese ha portato a diversi arresti e deferimenti di spacciatori di droga, disposta per contrastare il traffico e la commercializzazione di sostanze stupafacenti, nel pomeriggio di ieri - 12 luglio 2017 - personale della squadra investigativa del commissariato di polizia di stato di Battipaglia, diretto dal vice questore aggiunto dottoressa Immacolata Acconcia, in servizio di osservazione in località Campolongo nel comune di Eboli, notava un continuo andirivieni di cittadini di chiare origini straniere.

A bordo di ciclomotori, sulla strada litoranea nel tratto compreso tra l'idrovoro e la rotatoria dell'ospedale Campolongo con il probabile scopo di segnalare la presenza di eventuali pattuglie delle forze dell'ordine agli spacciatori che svolgono l'attività illecita in quella zona, a ridosso della pineta in prossimità del lido Arenella.

Nel corso del servizio, il personale operante assisteva, alla cessione dello stupefacente ad alcuni acquirenti da parte di un presunto spacciatore. Gli acquirenti fermati ed identificati sono S.N. di 33 anni e V.M. di anni 24 entrambi originari di Eboli, venivano trovati in possesso rispettivamente di due stecche di hashish per un peso netto di 2.7 grammi e un'altra stecca sempre di hashish di 2.6 grammi.

Gli agenti provvedevano quindi, a bloccare il presunto spacciatore, identificato come Azdi Mustapha che veniva dichiarato in arresto perchè responsabile di detensione di sostanze stupefacenti al fine di spaccio.

Dopo che il PM di turno convalidava l'arresto, Azdi Mustapha veniva accompagnato presso il carcere di Fuorni per essere sottoposto a giudizio con rito direttissimo nella giornata del 13 luglio.

S.N. e V.M. venivano segnalati alla Prefettura per la detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti. Entrambi, nel corso delle dichiarazioni prese, indicavano il cittadino arrestato quale spacciatore, che riconoscevano anche attraverso la visione della foto segnaletica.

 

Comunicato Stampa Questura di Salerno

Foto Ivan Romano

Seguici anche su: