La precisazione della Comunità Montana

 

 

 

"Con grande rammarico nel Comune di San Cipriano Picentino - si legge in una nota della Comunità Montana monti Picentini - si è verificato un malinteso e un episodio increscioso tra un operaio idraulico forestale, dipendente di questa Amministrazione, e i Carabinieri di Salerno.

L'operaio idraulico forestale stava incendiando delle erbacce vicino ad alcune essenze arboree non di alto fusto nel piccolo fondo di sua proprietà, avendo realizzato la pulizia dello stesso a tutela della sua proprietà e di quelle circostanti.

Per precisione il piccolo appezzamento di terreno è limitrofo e separato dalla vicina montagna da un corso d'acqua naturale e quindi sarebbe stato impossibile che il fuoco attraversasse il fiume per giungere alla montagna.

Per onore di cronaca, si dovrebbe evidenziare che detto operaio, per tantissimi anni, ha collaborato con questo Ente prestando il suo servizio quale operatore di prevenzione e contrasto agli incendi boschivi, nell'ottimo servizio A.I.B. sempre prestato da questa Comunità Montana, e proprio durante un intervento ebbe un malore di grave intensità che successivamente lo ha costretto a non poter più prestare tale servizio.

La presenza dei Carabinieri all'interno del fondo privato ha certamente esasperato e preoccupato il dipendente che probabilmente avrà utilizzato parole poco appropriate nei riguardi degli agenti, ma l'onorabilità del dipendente è certamente da preservare per i tanti sforzi quotidianamente profusi.

A tutela dell'immagine di questo Ente Montano e della dignità dei tanti lavoratori idraulico-forestali attualmente impegnati nella attività di spegnimento dei vari e gravi incendi scoppiati nei Picentini, si chiede la massima diffusione di questo comunicato."

 

Comunicato Stampa Comunità Montana

Foto Ivan Romano

Seguici anche su: