La conclusione delle indagini dopo gli scontri del febbraio 2017

 

 

 

Personale della Polizia di Stato appartenente al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sarno, con la collaborazione dei Carabinieri della Stazione di Eboli, ha provveduto alla notifica, in Eboli (SA) e Sarno (SA), di nr. 6 Ordinanze applicative di misura cautelare personale, emesse dal G.I.P. dell'Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Nocera Inferiore, dott. Alfonso Scermino, su richiesta del P.M. della Procura della Repubblica presso il medesimo Tribunale, dott. Roberto Lenza.

I sei arrestati risultano indagati per i reati previsti e puniti dagli artt. 337 (resistenza a Pubblico Ufficiale) e 339 (aggravante), commi 1,2 e 3 del c.p., nell'ambito del procedimento nr. 3423/17, per i gravi disordini che si verificarono in Sarno, in data 2 febbraio 2017, al termine della gara di calcio di Coppa Italia Ebolitana - Portici.

Detto incontro, trattandosi della finale del relativo girone di Coppa Italia, con il trofeo da aggiudicare alla vincente, si disputò in campo neutro, per l'appunto in Sarno, alle ore 21.00, con numerosa tifoseria di entrambe le squadre.

Al termine della gara, conclusasi con la sconfitta dell'Ebolitana, numerosi facinorosi, appartenenti alla tifoseria ebolitana, aggredirono ripetutamente le Forze di Polizia, poste a separazione delle opposte tifoserie, con l'intento di raggiungere quella avversaria, facendo segno gli Agenti di lancio di pietre, transenne e altri corpi contundenti, compreso alcuni specchietti retrovisori esterni, che erano stati divelti da vetture in sosta.

Solo dopo qualche ora (fu necessario anche l'uso di lacrimogeni) i medesimi si dileguarono.

Le indagini, coordinate dal dr. Lenza, consentirono di ricostruire, grazie al paziente lavoro degli operatori della polizia scientifica del Commissariato di Sarno, le fasi salienti degli scontri, e di addivenire all'individuazione di alcuni dei facinorosi, identificati poi grazie alla  collaborazione di personale della Stazione Carabinieri di Eboli.

Per tutti, il P.M. procedente ha formulato la richiesta di applicazione di misura cautelare personale, in considerazione del pericolo di reiterazione della condotta.

Il G.I.P. ha emesso quindi l’ordinanza di sottoposizione agli arresti domiciliari nei confronti di D'Agostino Giuseppe, ebolitano di anni 28,già gravato da precedenti, e nei confronti degli altri cinque indagati (tre della tifoseria dell'Ebolitana e due della tifoseria della Sarnese, gemellata con quella dell'Ebolitana, che parimenti avevano preso parte ai disordini) ordinanza applicativa di obbligo di firma presso la P.G.

I provvedimenti sono stati tutti puntualmente eseguiti e, nella giornata odierna, è previsto l'interrogatorio davanti al G.I.P.

Tutti i sei indagati risultano colpiti anche da DASPO emesso dal Sig. Questore di Salerno, per le medesime condotte.

 

Comunicato Stampa Questura di Salerno

Foto Freelance News

Seguici anche su: