Operazione della capitaneria di porto guardia costiera

 

Sequestrata una intera nave adibita alla pesca: l'operazione - come riferito dal quotidiano la Città di Salerno - è stata eseguita dagli uomini della guardia costiera capitaneria di porto di Salerno all'interno del porto cittadino. Secondo quanto si è appreso l'imbarcazione è stata sottoposta a sequestro penale per violazioni relative alla sicurezza della navigazione, per utilizzo di falsi contrassegni di individuazione e violazioni relative alla tenuta dei documenti di bordo. Il proprietario della nave avrebbe, infatti, abusivamente equipaggiato una unità da diporto con attrezzi per la pesca professionale e, allo scopo di sviare i controlli, avrebbe apposto i segni identificativi di una diversa unità di pesca.

Nel corso dei controlli i militari hanno inoltre sanzionato i proprietari di due unità da pesca in quanto, sulle imbarcazioni, sono state rinvenuti reti e sistemi utilizzati per la pesca a strascico, vietata in questo periodo dell'anno per consentire il ripopolamento dei mari da parte delle specie ittiche. Oltre alla sanzione amministrative è scattato inoltre il sequestro delle reti e degli strumenti da pesca vietati.

Sempre durante i controlli in questione, il personale della capitaneria di porto ha accertato che era stato catturato un ingente quantitativo di triglie sottomisura (la cui pesca è assolutamente vietata), che i militari hanno sottoposto a sequestro altresì denunciando il detentore alla Procura della Repubblica di Salerno.

 

Dalla Redazione

Foto Ivan Romano

 










Seguici anche su: