Il pronunciamento del Tar del Lazio

 

La discarica di Macchia Soprana, a Serre, chiusa per sempre: questa la sentenza del Tar del Lazio. Lo riporta il quotidiano la Città di Salerno. Dopo tre anni e tre ricorsi, dopo un'apertura di due anni tra il 2007 e il 2009, chiude per sempre, in seguito alla sentenza di primo grado del tribunale amministrativo regionale del Lazio, la discarica della zona del Sele. Palmiro Cornetta, allora sindaco di Serre, ha espresso soddisfazione per la sentenza, pur rimarcando i tempi biblici della giustizia italiana. I giudici del Tar laziale hanno accolto tutte le richieste avanzate dagli avvocati Bruno De Maria e Raffaele Falce, che hanno curato gli interessi dell’amministrazione comunale, disponendo l’annullamento di una serie di atti prodotti da diversi enti a cavallo tra il 2009 e il 2010, tra cui spicca il piano d’ambito e il piano industriale per il ciclo dei rifiuti in provincia di Salerno, approvato con decreto del presidente della Provincia il 30 settembre del 2010 (il presidente era Edmondo Cirielli) e all’interno del quale era stata inserita la discarica (gestita fino all’inizio dell’anno dal Consorzio di Bacino Salerno 2 e poi passata sotto la responsabilità della società provinciale EcoAmbiente) che avrebbe potuto ospitare altre 100mila tonnellate di rifiuti.

 

Dalla Redazione

Foto Ivan Romano

Seguici anche su: