Espulsi dal territorio nazionale 4 cittadini serbi con precedenti di Polizia ed una cittadina ucraina irregolare

 

Gli accertamenti svolti dal personale della Polizia di Stato appartenente all’Ufficio Immigrazione su quattro cittadini di nazionalità serba, che erano stati sottoposti sabato scorso a fermo di Polizia Giudiziaria a seguito di un controllo delle forze dell’ordine a Nocera Inferiore, hanno evidenziato, da un lato i precedenti penali per furto in abitazione a carico di due di loro, e dall’altro lato la posizione irregolare di tutti e quattro.

I poliziotti, con l’ausilio del sistema AFIS (sistema automatizzato per l’identificazione delle impronte digitali) hanno identificato i quattro stranieri ed hanno accertato, in particolare, che nei confronti di due di loro risultavano pendenti due espulsioni con intimazione a lasciare il territorio italiano già emesse dai Questori di Napoli e Catania.

Per tali motivi, i quattro stranieri sono stati nuovamente espulsi ed il Questore di Salerno ha emesso nei confronti l’Ordine di lasciare il territorio dello Stato.

Analoghi accertamenti sono stati svolti dai poliziotti dell’Ufficio Immigrazione nei confronti di una cittadina ucraina che è risultata non in regola con la normativa vigente in materia d’immigrazione.

Anche in questo caso è scattato il provvedimento d’espulsione ed il Questore ha ordinato l’accompagnamento ed il trattenimento della straniera presso il CIE (Centro d’Identificazione ed Espulsione) di Ponte Galeria a Roma.

Con tali provvedimenti espulsivi la Polizia di Stato, mediante l’allontanamento degli stranieri irregolari e già noti alle forze dell'ordinei, rende ancora più efficace l’attività di prevenzione dei reati nel territorio provinciale.

Giova precisare, infatti, che i quattro cittadini serbi espulsi, con precedenti per furti in abitazione, erano stati fermati mentre si trovavano a bordo di un’autovettura al cui interno sono stati trovati e sequestrati numerosi arnesi atti allo scasso.

 

Comunicato stampa questura di Salerno

Foto Ivan Romano

Seguici anche su: