Evacuazione e disinnesco di una bomba da 500 kg

 

Cominciate all'alba le operazioni di evacuazione di circa 1500 persone, dal perimetro circostante il cantiere in cui qualche giorno fa è stata individuata una bomba, residuo bellico del secondo conflitto mondiale, a Battipaglia. Molti gli uomini impegnati nelle operazioni previste fin dalle 6 del mattino, carabinieri, polizia, guardia di finanza, corpo forestale, vigili urbani e i volontari della protezione civile tutti coordinati dal prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone hanno lavorato per compiere nel più breve tempo possibile, l'evacuazione e il successivo disinnesco e trasporto dell'ordigno bellico di circa 500 kg, compiuto dagli uomini del 21esimo reggimento artificieri di Caserta dell'esercito di stato.

Gli evacuati, residenti nel perimetro di 300 metri dal ritrovamento della bomba, in zona Taverna di Battipaglia, sono stati trasferiti con mezzi comunali o con auto proprie, nell'istituto Alberghiero di Battipaglia, dove hanno pranzato e atteso il completamento delle operazioni dirette da palazzo di città a Battipaglia dall'unità di crisi coordinata come detto dal prefetto di Salerno e dalle massime cariche territoriali delle forze dell'ordine e della protezione civile.

 

Dalla Redazione

Foto di Ivan Romano

Seguici anche su: