Cerca

Facebook

    

Quattro persone in manette

 

Continuano a Pagani i servizi straordinari di controllo del territorio dei Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore che ieri, in distinte operazioni, hanno arrestato due persone: in manette sono finiti un cittadino di nazionalità romena di 40 anni, già noto alle forze dell'ordine, da alcuni anni residente in provincia di Taranato e un cittadino di nazionalità italiana di 46 anni, già noto alle forze dell'ordine, di Pagani. Il cittadino romeno è stato sorpreso dai militari operanti in una via del centro cittadino, subito dopo aver asportato un ciclomotore. Dopo un iniziale tentativo di fuga, l'uomo è stato bloccato e tratto in arresto per furto aggravato, mentre il veicolo è stato restituito al legittimo proprietario. Il 46enne paganese è stato condotto presso il carcere di Salerno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Autorità Giudiziaria per un’estorsione commessa a Pagani nel 2008.

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Nocera Inferiore, in distinte operazioni, hanno arrestato due persone. Nella sera, infatti, i militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari - emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli - nei confronti di un 45enne già noto alle Forze dell’Ordine. Il provvedimento custodiale è frutto delle indagini su un’associazione per delinquere, costituita da cittadini napoletani di Soccavo, già noti alle forze dell'ordine, specializzata nella commissione di furti in abitazione e che lo scorso ottobre venne scompaginata dai militari di Nocera Inferiore con un’operazione coordinata dalla locale Procura della Repubblica. Sempre a Nocera Inferiore, i militari della locale Stazione hanno arrestato per evasione un 41enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine. Lo stesso, già sottoposto agli arresti domiciliari per reati commessi nel 2010, è stato sorpreso dai militari operanti intento a passeggiare per le vie cittadine. L'uomo è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo innanzi all’Autorità Giudiziaria.

 

Dalla Redazione

Foto Ivan Romano

Seguici anche su: