Denunciato un 39enne per ricettazione e detenzione di droga

 

Trovata altra refurtiva trafugata al convitto nazionale Tasso: l'operazione è stata messa a segno dagli uomini della squadra mobile della questura di Salerno. Il tutto è accaduto nella tarda mattinata di ieri: i poliziotti, impegnati in servizi di controllo antidroga, hanno notato la presenza di un'auto ritenuta sospetta - con due persone a bordo - nei pressi di via Moscato, non lontano dai vecchi caselli autostradali. Gli agenti di polizia hanno quindi effettuato una perquisizione della vettura, trovando al suo interno due chitarre elettriche, una fisarmonica, una chitarra classica, un amplificatore, un computer ed uno scanner. L'uomo alla guida, risultato essere proprietario dell'autovettura, identificato per un cittadino napoletano di 39 anni, già noto alle forze dell'ordine, in seguito a perquisizione personale è stato invece trovato in possesso di 26 involucri di cellophane in microcapsule, di cui 15 vuote e 11 piene, presumibilmente di eroina. La polizia ha inoltre identificato il passeggero dell'autovettura.

In seguito ad ulteriori accertamenti gli agenti hanno potuto stabilire che gli oggetti e gli strumenti trovati nell'automobile erano stati trafugati dal convitto nazionale Tasso: a riconoscere la refurtiva, successivamente, è stato il dirigente scolastico dell'istituto di largo Abate Conforti. Il materiale è stato quindi restituito alla scuola. Successivamente la polizia ha sottoposto ad analisi la sostanza trovata addosso al 39enne, risultata essere appunto eroina, per nove grammi: la droga è stata sequestrata mentre il 39enne è stato denunciato per ricettazione e detenzione di sostanza stupefacente.

 

Marco De Simone

Foto Ivan Romano

 

 

LEGGI ANCHE:

Salerno, la Polizia arresta ladri di pc

 

 

 

 

 

Seguici anche su: