Fermati un uomo e una donna

 

E' stato un giubbotto di colore rosso, indossato da uno dei rapinatori, a permettere ai carabinieri della compagnia di Battipaglia - diretti dal capitano Giuseppe Costa e dal tenente Gianluca Giglio - di identificare e fermare i responsabili di una rapina avvenuta ai danni di un Compro Oro di Montecorvino Pugliano il 28 dicembre 2012. Si tratta di un donna di 41 anni di Secondigliano (Napoli) e di un 43enne di Eboli, ritenuto vicino ad un noto clan malavitoso. 

I carabinieri, nel corso delle indagini, hanno spulciato centinaia di filmati di rapine commesse in tutto il Sud Italia, rapine nelle quali era stata riscontrata la presenza di una donna. I militari sono quindi giunti ad identificare la donna grazie al giubbino rosso che indossava il giorno del colpo e quindi hanno identificato anche il loro complice. Ai due, questa mattina, i militari hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Salerno che accoglie in pieno gli esiti dell’articolata indagine coordinata dalla procura salernitana. Agli arrestati viene contestato il reato di rapina aggravata. Nel pomeriggio del 28 dicembre 2012, dopo un accurato sopralluogo, con la scusa di contrattare la compravendita di oggetti in oro, i malviventi riuscirono ad introdursi nel negozio di preziosi. Sotto la minaccia di una pistola, dopo aver arraffato circa cento grammi di metallo prezioso, aspettarono pazientemente, tenendo in ostaggio l’unica impiegata, che la cassaforte si aprisse per asportate 8mila euro in contanti e fuggire via.

 

Marco De Simone

Foto Ivan Romano

   

Seguici anche su: