Noto ormeggiatore ritrovato senza vita nelle acque del porto di Maiori

 

Un malore pare sia la causa della morte di un noto ormeggiatore sessantenne di Maiori avvenuta alle prime ore del giorno. Il cadavere, avvistato da alcuni diportisti che hanno poi lanciato l'allarme, galleggiava nelle acque del porto di Maiori, è stato recuperato dagli uomini del 118 che non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Amalfi diretti dal capitano Alberto Sabba già a lavoro per verificare le testimonianze dei proprietari delle barche che stamane hanno notato il corpo in mare. Le cause del decesso - sembra che l'uomo possa aver perso l'equilibrio a seguito di un malore, il corpo infatti, ad un primo esame non presenterebbe segni di violenza - saranno verificate dall'esame autoptico che sarà compiuto presso l'ospedale Ruggi d'Aragona dove è stata trasferita la salma.

 

Dalla Redazione

Foto di Ivan Romano

Seguici anche su: