E' stato disposto l'esame autoptico della salma del docente

 

Sono tredici le persone - medici - iscritte nel registro degli indagati dopo la morte del professore Nicola Pagliara, docente in pensione, presso l'ospedale Ruggi di Salerno. Lo riporta il quotidiano Il Mattino.it. L'apertura dell'indagine, si apprende, è un atto dovuto per permettere al medico legale Adamo Maiese di eseguire l'autopsia sul corpo, autopsia disposta dal sostituto procuratore Cristina Giusti. Stando a quanto si è appreso il professor Pagliara sarebbe deceduto a causa di una broncopolmonite che - secondo i familiari - non sarebbe stata diagnosticata. In un primo momento la causa del decesso sarebbe stata indicata in una ipertermia antalgica, una particolare forma di febbre. Saranno proprio le cartelle cliniche - ora nelle mani del sostituto procuratore - e la perizia del medico legale, una volta, consegnata, a consentire di far luce su quanto effettivamente accaduto. Le indagini proseguono e in questi casi il condizionale è d'obbligo.

 

Dalla Redazione

Foto Ivan Romano

 

Seguici anche su: