La Salernitana inserita nel girone sud

Era stato ampiamente dichiarato dal presidente Mario Macalli nei mesi scorsi, "i derby sono il sale del calcio" oggi il consiglio di Lega Pro ha deciso per la suddivisione territoriale dei tre gironi inclusi nella nuova formula, la Salernitana è stata inserita nel raggruppamento sud, a farle compagnia 7 compagini campane Aversa Normanna, Benevento, Caserta, Ischia, Juve Stabia, Paganese e Savoia e le rivali storiche Cosenza e Foggia, in quello che sta per diventare un girone di ferro, non solo per i valori tecnici, il Lecce e le retrocesse Juve Stabia e Reggina su tutte, ma anche per la presenza di moltissimi derby e partite con rivalità di non poco conto tra le tifoserie. Vince la linea della territorialità a discapito dei dubbi sulla questione della sicurezza. Bocciata l'ipotesi di suddividere le squadre campane nei tre gironi, senza quindi rispettare dei criteri territoriali nella composizione dei raggruppamenti, proposto dalla Salernitana per evitare gli episodi di violenza come quelli del derby della vergogna tra Salernitana e Nocerina, "meglio evitare qualsiasi commento - dichiara un seccato Lotito - non si faceva un piacere a Lotito, noi avremmo comunque allestito una squadra fortissima indipendentemente dal girone, non fatemi esprimere è meglio." 

I GIRONI DI LEGA PRO 2014-2015

GIRONE A — Albinoleffe, Alessandria, Bassano, Como, Cremonese, Feralpisalo', Giana Erminio, Lumezzane, Mantova, Monza, Novara, Pavia, Pordenone, Pro Patria, Real Vicenza, Renate, Sudtirol, Torres, Unione Venezia, Vicenza.

GIRONE B — Ancona, Ascoli, Carrarese, Forlì, Grosseto, Gubbio, L'Aquila, Lucchese, Pisa, Pistoiese, Pontedera, Prato, Pro Piacenza, Reggiana, Savona, Spal, San Marino, Santarcangelo, Teramo, Tuttocuoio.

GIRONE C — Aversa Normanna, Barletta, Benevento, Casertana, Catanzaro, Nuova Cosenza, Foggia, Ischia, Juve Stabia, Lecce, Lupa Roma, Martina Franca, Matera, Melfi, Messina, Paganese, Reggina, Salernitana, Savoia, Vigor Lamezia.

 

Ivan Romano

Foto di Ivan Romano

 

LEGGI ANCHE:

Macalli: "Sì ai derby, sono il sale del calcio"

Seguici anche su: