Va avanti senza sosta il lavoro degli inquirenti / IL RITROVAMENTO DEL CORPO

 

Proseguono le indagini dei carabinieri in seguito alla scoperta, nella mattinata di ieri, di un cadavere in parte carbonizzato ad Occiano, località montuosa di Montecorvino Rovella. I militari della compagnia di Battipaglia, diretti dal capitano Giuseppe Costa, lavorano senza sosta per risalire all'identità dell'uomo: si tratterebbe, stando a quanto emerso sinora, di un uomo probabilmente di nazionalità straniera, di circa 50 anni, di carnagione chiara. Pare che l'uomo sia stato picchiato selvaggiamente sino alla morte, quindi immobilizzato, trasportato nella strada interpoderale (dove è stato poi ritrovato) e dato alle fiamme.

Gli inquirenti - le indagini sono coordinate dal pm Katia Cardillo - sul posto non hanno rivenuto elementi utili ad una identificazione dell'uomo. Il lavoro dei carabinieri si sta concentrando, in queste ore, sulle mense della Caritas: i militari sono infatti al lavoro per capire se, dalle strutture che offrono pasti ai meno abbienti, manchi in questi giorni qualche frequentatore abituale. L'autopsia si terrà nella giornata di venerdì presso l'ospedale San Luca di Vallo della Lucania: le indagini vanno avanti.

 

Marco De Simone

Foto Ivan Romano

 

LEGGI ANCHE:

Montecorvino Rovella, ucciso e dato alle fiamme

Seguici anche su: