La donna è riuscita a denunciare le violenze 

 

 

Una drammatica vicenda si sarebbe verificata a Capaccio, un uomo 37enne di origine algerina è stato accusato di aver sottoposto a sevizie la moglie di origine marocchina perché la donna lo aveva resa padre di sole quattro figlie femmine senza riuscire a donargli un maschio. Per questo l'uomo l’avrebbe picchiata per anni, colpendola con calci e pugni, macchiandola addirittura col fuoco privandola anche della sua libertà. 

Gli incresciosi episodi di violenza si sarebbero verificati all’interno di una palazzina situata in località Licinella a Capaccio Paestum. La donna avrebbe provato anche a dire basta a quelle violenze tentando di ritornare in Marocco ma l’uomo l’avrebbe privata di tutti i documenti, compresi il permesso di soggiorno ed il passaporto.

Eppure lei è riuscita a fuggire di casa per recarsi dai carabinieri. L’udienza è stata fissata per il prossimo 14 giugno presso il Gip di Salerno che dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio.

 

 

Dalla Redazione

Foto Freelance News

Seguici anche su: