Cerca

Facebook

    

Tante polemiche per le accuse di violenze sugli animali

 

Sta facendo discutere molto l'iniziativa ipotizzata da Paolo Bernini, portavoce Parlamentare del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati che attraverso la sua pagina facebook ha lanciato accuse pesanti alla celebrazione della festa della Madonna del Carmelo di Pagani, conosciuta da tutti come la Madonna delle Galline. Nel post polemico si legge: 

"In questi giorni mi sono arrivate diverse segnalazioni (di cittadini Paganesi) su questa manifestazione chiamata ‪#‎MadonnaDelleGalline‬. Tutto questo è veramente crudele, farò un'interrogazione parlamentare in merito per sapere se i Ministri interessati ne sono a conoscenza e per far in modo tale che mettano fine a questa pratica ormai anacronistica e crudele nei confronti degli animali. Vi posto 2 delle tante segnalazioni che mi sono arrivate: 1) Qualche anno fa il carro con la statua era "addobbato" con pavoni, galline e colombe: a tutti gli animali erano state spezzate le ali per evitargli la fuga. Inoltre la processione prevedeva numerose soste con annessi giochi pirotecnici (simil bombe carta) a distanza ravvicinata! Altro che cristianità e preghiera per giungere in paradiso, era l'inferno in terra. Brutto assai per altro. 2) Per 2 anni consecutivi ho assistito alla stessa scena colombe e galline con le zampe legate motivo per il quale quando vengono offerte alla madonna non si muovono. Premetto che adoro tale festa, mi piace come é organizzata si balla ovunque e si respira allegria però questa madonnina non potrebbe fare il suo percorso in processione senza far soffrire queste povere creature? La cristianità non si dimostra lanciando volatili addosso a una statua, festeggiare in modo diverso non è possibile?"

L'intervento è pubblicato facendo riferimento allo speciale giornalistico realizzato dalla redazione di Freelance News ed è corredato da un montaggio che associa tre immagini, due delle quali prese dal reportage fotografico firmato da Teresa Biancorrosso e pubblicato nell'articolo, mostrano due persone che attendono la statua della madonna per offrire nel primo caso, tre piccioni; nella seconda immagine invece si riconoscono due galline. Osservando bene le due fotografie (vedi galleria) non si evince alcun tipo di violenza, le zampe degli esemplari sono libere e non appaiono legate. A queste due immagini, per altro utilizzate senza interpellare gli autori e i proprietari intellettuali dello speciale è stata associata una terza immagine che ritrae un volatile adagiato in terra, con le zampe legate e un fiocco rosso, la cui fonte è ignota.

La festa in onore della Madonna che si è svolta a Pagani lo scorso 3 aprile, è una delle più belle partecipazioni sacre dell'Italia meridionale, è detta Madonna delle Galline poichè la tradizione narra che alcune galline razzolando in un giardino riportarono alla luce una immagine della vergine. I fedeli omaggiano la processione con piccioni, papere e galline che vengono trasportate vive e vegete in uno spazio apposito ricavato alla base della statua (vedi foto). Gli animali vivi, vengono recuperati durante la processione, quando la statua transita nei pressi del santuario, questo per non "affollare" lo spazio con le offerte successive, consentendo agli animali di avere più spazio, preservando la loro salute anche perchè a fine manifestazione, gli esemplari vengono ripresi dai padroni che li riconoscono attraverso i fiocchi colorati precedentemente apposti agli animali. Avendo partecipato in prima persona alle celebrazioni del 2016, posso ragionevolmente affermare che nel reportage prodotto, circa cinquecento fotografie e nel reportage della fotoreporter Teresa Biancorrosso, altre seicento immagini complessive, non si accerta alcuna violenza o presunta tale agli animali offerti alla madonna. Questo non esclude alcun tipo di comportamento eventualmente non consono o violento perpetrato ai danni degli animali sfilati in processione, eppur tuttavia, dobbiamo ragionevolmente affermare che stando a quanto visto il 3 aprile, nessuna delle accuse ipotizzate dall'onorevole Paolo Bernini, è stata riscontrata, osservata o addirittura documentata fotograficamente e che probabilmente le segnalazioni da lui ricevute andavano meglio verificate e in tal senso Freelance News (edito dall'Associazione Culturale F/0.7) è disponibile ad ogni tipo di chiarimento al fine di salvaguardare, una tradizione identitaria per la comunità paganese e la tutela dei diritti degli animali, ma anche per evitare strumentalizzazioni sul materiale fotografico prodotto.

Ivan Romano - Presidente Associazione Culturale F/0.7

Foto Teresa Biancorrosso e Ivan Romano

Seguici anche su: