Cerca

Facebook

    

Iniziativa promossa dalla Lega di Serie B

 

 

 

Un giorno per la nostra città "Le Diversità nelle Identità, superando barriere culturali ed architettoniche" Evento su tutti i campi, nelle giornate di campionato dell'11 Marzo e del 18 Marzo Cosa accadrà: L'Evento, con un'idea diversa dalle consuetudini, è forse il più emozionante della stagione degli appuntamenti di "Un giorno per la nostra Città" con un momento speciale e condiviso in contemporanea con tutti i Club sui rispettivi campi di gioco.

Spalmato su due giornate di Campionato, consente a tutti, Club ed Associazioni, di partecipare in occasione di un incontro ufficiale che ogni Club giocherà in casa. Questa scelta soddisfa la necessità, da privilegiare, per la quale non tutte le Associazioni che assistono i ragazzi diversamente abili hanno la capacità/ possibilità di trasferirsi da provincia a provincia.

E grazie alla meritevole disponibilità dei Club, con le Associazioni locali e vicine, si dà la possibilità ai ragazzi stessi di scendere in campo, sul terreno di gioco dei loro idoli, e condividere un momento forse indimenticabile per loro, davanti agli spalti pieni: un risalto importante e premiante per lo sforzo dei volontari (tutors ed assistenti) di tutte le Associazioni dedicate e di Special Olympics in particolare che, in questa prossima edizione, porterà i suoi ragazzi in tutte le Città della LegaB.

Ciò non esclude che le Associazioni locali vicine ai Club possano, anzi debbano, partecipare. Come si svolgerà: Ogni Associazione riceverà l'ospitalità in tribuna, durante l'incontro, o nell'area ospitalità nel prepartita. Specialmente in occasione di questa eventualità i Club predisporranno un gadget per i ragazzi, magari con le firme dei calciatori (un pallone sarebbe l'ideale).

I ragazzi diversamente abili indosseranno le loro divise e si predisporranno ad entrare in campo durante l'intervallo. In questa fase lasciamo ai rappresentanti dei Club il concordare con i responsabili delle Associazioni come preparare i ragazzi diversamente abili in relazione a cosa possono o debbono fare per entrare in campo in tranquillità, pur nella grande emozione che si può immaginare.

Poco prima dell'ingresso in campo, faremo in modo di evitare di far entrare in campo i ragazzi non prima che l'ultimo calciatore abbia lasciato il terreno di gioco. Questo per evitare qualsiasi rischio di interferenza sullo stato d'animo dei calciatori. Un tè caldo calma tutti. Cosa faranno i ragazzi diversamente abili: Lo speaker annuncerà l'Evento. Una volta entrati in campo, in linea generale, i ragazzi faranno "passaggi e tiri in porta".

Coordinati dai loro assistenti e tutors, i ragazzi potranno stare in campo e, ove concordato prima, giocare anche con i calciatori della panchina che fanno riscaldamento. 2 minuti prima del termine dell'intervallo, i ragazzi saranno schierati all'uscita degli spogliatoi, in fila, con "il cinque" pronto per essere scambiato con i calciatori che rientreranno per il secondo tempo.

Se le uscite dal tunnel sono due, i ragazzi saranno predisposti in corrispondenza delle due uscite dagli spogliatoi, sempre in fila, pronti a scambiare il "cinque". Fotografi pronti a riprendere questi momenti. Eventuali condizioni di maltempo: È sconsigliabile far scendere in campo i ragazzi sotto pioggia o fenomeni peggiori. Finché il campo è bagnato, previa consultazione con i responsabili dei Club, i ragazzi potranno scendere in campo.

Sicurezza Ogni misura di sicurezza per la persona, nella sua permanenza allo stadio e nel tragitto dalle tribune al campo e ritorno deve essere garantita. Preghiamo pertanto tutti i club di porre la massima attenzione a questo aspetto, comprendendo la particolare condizione dei ragazzi portatori di diverse abilità. Sappiamo che ogni Club ha in buona coscienza queste attenzioni.

Insomma, unici in Italia, i Club della LegaB daranno vita a momenti di vera emozione che consentirà a ragazzi meno fortunati di vivere e realizzare forse il sogno della loro vita: scendere sul campo di gioco dei loro beniamini o dei loro eroi sportivi e confortarli per un solo istante nel continuare a giocare per far divertire la gente, il pubblico e gli stessi ragazzi con diverse abilità, rispetto dovuto nei confronti di chi tifa e lo fa con passione e gioia, senza bisogno di eccessi violenti.

Le diversità nelle identità, superando barriere culturali e architettoniche: 15/03/17 (data dell'evento). L'entrata in campo dei ragazzi delle Associazioni locali e di Special Olympics è prevista per i due sabato 11/03/17 e 18/03/17 (squadre che giocano in casa), secondo la seguente ripartizione di località, definite in base al calendario, salvo variazioni dell'ultimo minuto.

 

Comunicato Stampa

Foto Ivan Romano

 

Seguici anche su: