Cerca

Facebook

    

Le dichiarazioni di Grassadonia

 

 

 

Continua il periodo nero per la Paganese, che al "Massimino" di Catania è costretta ad arrendersi contro i padroni di casa. Già dai primi minuti del match è il Catania la compagine più pericolosa, grazie alle incursioni di Di Cecco sulla fascia destra, e a Di Grazia che sembra in ottima giornata. Per gli azzurrostellati l'unico che prova a rendersi pericoloso è Reginaldo, che prima intorno al decimo minuto, poi al 29esimo, prova a mettere in apprensione Pisseri, che però si fa sempre trovare pronto.

La partita si accende nel secondo tempo, nel momento migliore del Catania la Paganese passa in vantaggio al 65esimo proprio con Reginaldo. Passano 3 minuti e Paolucci pareggia i conti, mentre tocca a Biagianti a 7 minuti dalla fine a regalare la vittoria al Catania. Con questa sconfitta, la terza di fila, la classifica si fa complicata per la Paganese che si posiziona in piena zona play out.

Duro a fine partita il tecnico Grassadonia: "Non possiamo perdere una partita così, soprattutto per i sacrifici che facciamo. Se gli avversari tirano in portano e fanno goal, siamo dei polli. Siamo calati nel secondo tempo. Certe amnesie e certi regali agli avversari non possiamo più farli”.

 

Fabio Gioia

Foto Freelance News

Seguici anche su: